Ruolo del CAI nel Parco Regionale Dei Picentini

Sabato 18 ottobre, alle ore 17.30, presso l’«Osservatorio della Biodiversità» di Nusco,in contrada Cerri di Sant’Amato
La conservazione dell’ambiente naturale e culturale montano e la conoscenza dei relativi problemi, l’individuazione di idonee azioni di tutela preventiva e la segnalazione di interventi di manomissione degli equilibri consolidati dell’ecosistema della montagna costituiscono argomenti e obiettivi di una efficace gestione del territorio, a cui l’amministratore locale è chiamato a dare la necessaria attenzione. A tutto questo, il Club Alpino Italiano, per le adeguate competenze naturalistiche acquisite dai suoi aderenti, per la frequentazione continua dei nostri monti e per la presenza capillare sull’intero territorio nazionale, può dare un idoneo contributo e a tal scopo la Sezione di Avellino ha promosso e organizzato un incontro di presentazione e discussione per il giorno 18 ottobre 2014, alle ore 17,30, presso l’Osservatorio della biodiversità e sede della sottosezione CAI di Nusco, alla Contrada Cerri di Sant’Amato di Nusco (AV).

Locandina (Pdf)

I commenti sono chiusi