Modifica Escursione Speleologica del 13 Marzo 2016

Il gruppo speleologico della sez. CAI di Salerno comunica che la programmata escursione del 13 Marzo 2016 presso la Grotta di San Michele ad Olevano sul Tusciano non sarà possibile per lavori di restauro in corso. Pertanto l’escursione sarà effettuata in altro sito di interesse speleologico, presso le MINIERE DI ITTIOLO in località  Giffoni Vallepiana.

Gruppo Speleologico sez. CAI Salerno
Sessa Vincenzo 3474749240

Corso Dirigenti CAI

Sabato 18 ottobre 2014 alle h 9.00  presso la sede della sez. CAI  di Salerno inizierà il 1°corso sperimentale  dal Palamonti di Bergamo in video conferenza per la formazione dei Dirigenti territoriali del Club Alpino Italiano. Il corso è rivolto a quei Soci volenterosi che si adoperano nelle Sezioni nell’organizzazione delle attività e nella quotidiana complessità normativa in materia gestionale per cui  il confronto di esperienze ed un supporto formativo certamente arricchiranno le competenze amministrative che oggi il dirigente CAI deve possedere.

Intersezionale Campana del 30 Marzo 2014

sezsalernoL’escursione, con tipologia a circuito, dislivello limitato a 500 metri e di media difficoltà, avrà inizio a pochi chilometri da Giffoni Valle Piana, sulla strada provinciale 25C, percorribile anche da pullman e, cosa ben gradita, presenti due ampie aree adatte al parcheggio. Causa l’inizio dell’orario legale, abbiamo fissato per le ore 10 il rendez-vous dinanzi al palazzetto del Cinema di Giffoni e alle ore 11 la partenza effettiva dell’escursione, che terminerà al più alle 16:30.
Alla valenza ambientale e a quella di un sito di archeologia industriale (miniere di ittiolo) si aggiungerà la sempre gradita accoglienza ospitale sia del circolo “il Picchio” di Giffoni che di Casa Natura di Legambiente.

* Locandina dell’evento (Pdf) *

Giornata FAI di primavera: Costa Palomba e l’Antece

Di Anna Lisa Golvelli – Addetto Stampa Regionale CAI Campania

logo_faiDomenica 23 marzo 2014, ad organizzare l’escursione, in collaborazione con la delegazione FAI di Salerno, saranno le sezioni del Club Alpino Italiano di Salerno e Napoli

L’escursione si prospetta davvero suggestiva. L’Antece indicata come toponimo “tomba di Spartaco” e segnalata fin dal 1963 dalla commissione grotte “Eugenio Boegan” di Trieste, si erge a q. 1125 al limite della cima detta Costa Palomba. Per l’insolito tipo di monumento, unico in tutta l’area campana, la sez. CAI di Napoli ha svolto una serie di ricerche guidate da Alfonso Piciocchi. Per la sua eccezionale posizione di controllo e di difesa sugli alti pianori degli Alburni doveva essere il sito ideale per un insediamento di comunità dedite alla pastorizia. L’opera ricavata in rilievo, in grandezza naturale, rappresenta una figura umana ricoperta da corta tunica (chitone), stretta alla vita da una cintura dalla quale pende una spada. Il guerriero con la mano destra impugna una lancia alla cui base è posato uno scudo borchiato. I caratteri grossolani della figura massiccia nel corpo e nelle spalle, la rendono ancora più imponente e con la sua monumentalità è carica di un significato simbologico della sfera magico -religioso – primitivo. Essa rappresenta, oltre alla funzione pratica di un riconoscimento esteriore di una tomba, un punto di riferimento di “sede” dello spirito del defunto o della divinità guerriera in un ambiente di intensa cultura pastorale. L’escursione prevede cinque ore di facile cammino distribuite su un dislivello di m. 450.
Per info:
Anna Maria Martorano (SA) 338.9498941
Claudio Solimene (NA) 348.0536215
www.caisalerno.it

"Trenotrekkingferroviario" Salerno – Pertosa – Polla

di Anna Lisa Golvelli – Addetto Stampa Regionale CAI Campania

trenotrekking

Domenica 2 marzo 2014

Nuovo entusiasmante appuntamento per la Sezione di SALERNO
del CLUB ALPINO ITALIANO

Comunicato Stampa (Pdf)

Scesi dal treno alla stazione di Buccino, a bordo di pullman gli escursionisti raggiungeranno il piazzale delle Grotte di Pertosa-Auletta da dove inizieranno il percorso a piedi salendo dapprima, in mezz’ora di comodo sentiero, alla “favolosa” stazione di Pertosa dove troveranno la calda accoglienza della Fondazione MIdA e delle Amministrazioni locali (Comunità Montana “Vallo di Diano” e i Comuni di Polla, Pertosa e Auletta) che stanno collaborando per la migliore riuscita della manifestazione, ivi compresa la pulizia della sede ferroviaria. Da qui si proseguirà con il favoloso trekking ferroviario di circa due ore e mezzo lungo i 4,7 chilometri di strada ferrata dalla stazione di Pertosa alla stazione di Polla in un susseguirsi di emozioni, con passaggi in galleria e spettacolari ponti mozzafiato. Per motivi di sicurezza l’accesso al trekking sarà da Rete Ferroviaria solo a quanti, previamente registratisi e assicuratisi presso la Sezione CAI di Salerno, si affideranno alla guida congiunta degli accompagnatori CAI e dello stesso personale RFI presente sul posto. Per informazioni: Antonello Sica (331.3599053 antonello.sica@alice.it) e Attilio Piegari (389.2415000 piegari@libero.it). Posti limitati. Informazioni e orari sul sito web www.caisalerno.it